OctoPi su Anet A8 con Raspberry Pi A+

Da quando ho comprato la mia Anet ho sempre voluto abbinarci OctoPrint, OctoPi. OctoPi è una versione modificata di Raspbian che si comporta da server web, e che, una volta collegato alla stampante via USB la può pilotare al fine di stampare un oggetto.

Ho avuto subito il primo problema, avendo un Raspberry Pi A+, non avevo una porta Ethernet, o un' altra porta USB per il dongle WiFi. Perciò ho trovato il modulo ENC28J60, un modulo Ethernet che avevo in precedenza acquistato per usarlo con Arduino Nano. In una guida ben fatta, scritta da Alex Eames sul suo sito raspi.tv, ho scoperto come collegarlo a Raspberry A+. Non è molto difficile da fare. In questi passaggi vi illustrerò come assemblare il tutto.

1.1 Scaricare OctoPi
 Collegandosi al sito di OctoPrint potrete scaricare l' ultima versione del sistema, non pesa molto, circa 3/4 di GB.

1.2 Flash di OctoPi
Per falshare OctoPi io uso, e consiglio, Etcher, un freeware molto bello esteticamente.

1.3 Modificare il configt.txt
E  un' azione molto semplice. basta recarsi nella partizione boot della SD e aprirlo con blocco note. Aggiungere infondo al file il parametro dtoverlay = enc28j60.

1.3 Collegare il modulo
Per effettuare i collegamenti basta recarsi a questa pagina, e seguire le semplici istruzioni sui collegamenti.

1.4 Abilitare l' interfaccia SPI
Per abilitare l' interfaccia che consente la comunicazione ed il rilevamento del modulo occorre abilitare l' interfaccia SPI. Per farlo basta digitare sul Raspberry Pi il comando sudo raspi-config, poi selezionare Interfacing options, selezionare SPI, cliccarci sopra ed abilitarla. Dopo aver aspettato qualche istante apparirà un messaggio di conferma.

1.5 Collegamenti e finalizzazione della parte hardware
Infine basta semplicemente collegare Raspberry Pi alla stampante con il cavo fornito assieme alla stampante, e riavviare l' intero sistema.

2.1 Accedere all' interfaccia web
Dopo aver aspettato qualche minuto accedi al server, digitando http://octopi.local, o direttamente digitando l' IP della scheda. Per trovare l' IP, si può tranquillamente accedere al router e controllare i dispositivi connessi.

2.2 Completare la procedura di configurazione iniziale
Al primo accesso all' interfaccia, ti verrà mostrato un pannello di configurazione, è molto semplice da compilare. Quando ti chiederà di inserire il profilo della stampante, inserisci il file .ini che è presente sulla scheda SD incorporata alla stampante. Et voilà, il gioco è fatto.

2.3 Fare dei test
Per assicurarci che la stampante sia connessa, in alto a destra, nel pannello Connection selezionare la porta seriale della stampante e impostare i baud a 115200. Poi cliccare su Connect. Spostarsi nella sezione Control. E con le freccette per le direzioni fate dei test per ogni asse della stampante, poi spostatevi su Temperature e provate ad inserire delle temperature per l' hotend o per il bed, per poi verificare il funzionamento. Se tutto funziona sportarsi al prossimo step.

2.4 La prima stampa
Finalmente siamo arrivati al cuore dell' argomento: la stampa. In sé è la procedura più facile. La prima cosa da fare è andare sulla casella Files e cliccare su Upload, e selezionare il file .stl da stampare. Una volta caricato vi chiederà il motore per lo slicing, lasciare tutto com'è, cliccare infine su Slice. Inizierà il processo di slicing, ed al termine apparirà il file .gco da stampare.
Cliccate su di esso e nella casella sopra, premete su Print. La stampante inizierà a scaldarsi, e al termine del riscaldamento inizierà a stampare.

Qui sotto inserisco alcune foto della stampante con tutto montato:





Spero di essere stato chiaro in questa guida, e di avervi aiutato in caso di difficoltà. OctoPi è un sistema molto interessante, esploratelo e personalizzatelo.



Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. I'm sorry for the Google translate... A lot of commands are confused. For questions, comment this post.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come usare un motorino a vibrazione con Arduino

I valori della robotica 2.0